martedì 10 aprile 2012

PER FARE PRIMAVERA

Per fare primavera
si prende una P
come un prato pieno di petali profumati;
poi si prende una R
come rami di rose rosse, rondini, ruscelli;
poi si prende una I
come insetti impollinatori, intreccio indaco di iris;
poi si prende una M
come un misto di margherite morbide, magnolie, mimose;
poi si prende una A
come alveari di api, alberi assolati;
poi si prende una V
come il venticello sul viso, un ventaglio verde di violette;
poi si prende una E
come erba, edera, esperienze emozionanti, escursioni entusiasmanti;
poi si prende un'altra R
come rapide rincorse rischiose e rumorose;
poi si prende un'altra A
come amici allegri ancora addormentati ad aprile;
poi si mettono insieme
senza paura, senza rabbia,
senza invidia, senza malattie,
senza arrabbiature, senza violenza,
con energia, con risate,
con armonia...
e primavera sia!

Nessun commento:

Posta un commento